CHI SIAMO

Foto della prima edizione. 1974 da sinistra Zavattiero Riccardo, Marcolin Riccardo, Don Angelo, Benato Fortunato.

Le sagre del Gnocco e dei Maroni, organizzate dal Comitato Popolare Feste a Teolo, nascono nel lontano 1974, quasi per gioco, da un’idea una ventina di compaesani volenterosi, allo scopo di offrire agli ospiti un po’ di svago, promuovere i prodotti eno-gastronomici del territorio e far conoscere le tradizioni locali.

Si crea, così, anche un nuovo modo di raccogliere fondi da destinare alla beneficenza e alle attività socio-culturali del paese e un’occasione di collaborazione e compartecipazione tra gli abitanti del paese. È proprio con quest’ottica che nasce il Comitato Popolare Feste a Teolo.

Con il passare degli anni, la festa ha allargato le proprie dimensioni, coinvolgendo l’intero paese (bambini, giovani, adulti e anziani), che partecipa attivamente in ogni fase dell’organizzazione, e numerosi simpatizzanti, nonché numerosi teolesi che, trasferitisi altrove, ritornano sempre volentieri a Teolo per dare una mano in queste occasioni.

Sagra dei maroni primi anni 90. Messa in funzione della nostra “rostidora” per la cottura delle castagne.

Con l’andar del tempo, grazie al successo riscosso e al sempre maggior afflusso di visitatori, le sagre si sono arricchite di attrazioni e migliorie; un esempio di cui siamo molto orgogliosi è la griglia girevole e motorizzata per la cottura dei marroni, chiamata “LA ROSTIDORA”, progettata da uno dei membri del nostro Comitato, che può arrostire fino a 50 chili di marroni alla volta e suscita sempre molta ammirazione e curiosità nei visitatori, poiché è unica nel suo genere.

Grazie all’impegno profuso, in tutti questi anni sono stati realizzati molti progetti di solidarietà. Tra gli interventi avvenuti sul nostro territorio si annovera l’acquisto di una sede sociale per dare ai partecipanti e all’intero paese un luogo di incontro e di riunione, contributi alla Banda musicale del Paese e alla Parrocchia, aiuti a persone colpiti da difficoltà di salute. A livello più ampio, invece, i nostri fondi sono stati destinati a Medici Senza Frontiere, all’adozione di bambini africani, al sostegno ad associazioni per la ricerca scientifica in campo medico, alle popolazioni terremotate, al supporto alle donne somale e alla creazione di pozzi d’acqua potabile in Africa.


Top